Articolo33 e Pepeverde
Scegli l'abbonamento adatto a te
Scopri di più

Proposte per la formazione

23 giugno 2021

Ridurre la distanza

In tempi di “distanziamento sociale” non è poco. Abbiamo provato a ridurre la distanza, non interrompendo questo canale di relazione con i nostri iscritti, i delegati, il gruppo dirigente.

Tutto è accaduto all’improvviso e abbiamo dato una nuova interpretazione della socialità con la comunicazione a distanza. Per un’organizzazione come la FLC CGIL, dove il sistema delle relazioni è parte della nostra funzione sociale, significa riprodurre un surrogato del nostro agire e la formazione sindacale ne ha forse sofferto maggiormente, senza stare insieme, interloquire, scambiarsi opinioni, guardarsi negli occhi. Ma non ci siamo persi d’animo, anzi, le iniziative sono via via cresciute, con seminari, assemblee, incontri, tutto rigorosamente on line.

Nel pieno del lockdown, un anno fa, abbiamo avviato, quasi casualmente, un ciclo di seminari che ancora prosegue e, prevedibilmente, sarà un’esperienza che non abbandoneremo. Affrontando argomenti dell’attualità politico-sindacale, abbiamo stimolato riflessioni insieme ad ospiti di valore, da Nadia Urbinati a Giovanni Solimine, da Alessandro Laterza a Gino Roncaglia, da Giancarlo Blangiardo a Mimmo Carrieri, e ancora Gianfranco Viesti e Antonio D’andrea, Mario Pianta e Andrea Ranieri, Sergio Staino e Luciana Castellina e tanti altri.

Alla formazione possiamo assegnare il compito storico di riconnettere il presente al passato, per leggerlo e progettare il futuro, è un passaggio di idee, di pensiero, di cultura, contenuti e modi di essere, un processo di comunicazione.

Questo orizzonte ci ha guidato nel predisporre un piano organico di attività formative da attuare nei prossimi mesi, con l’obiettivo di promuovere le qualità dirigenti delle donne e degli uomini della FLC, sviluppare senso identitario, ravviare la memoria individuale e collettiva nel corpo consolidato della FLC, potenziare le conoscenze e le pratiche del lavoro sindacale, porre attenzione ai valori dell’accoglienza, della condivisione e dell’inclusione.

L’intreccio tra l’essere e il fare, tra la consapevolezza del proprio ruolo e le competenze per svolgerlo, tra i valori personali e i valori dichiarati della FLC ha rappresentato la bussola di tutto il percorso di formazione.

L'autore

Maurizio Lembo