Articolo33 e Pepeverde
Scegli l'abbonamento adatto a te
Scopri di più

Politiche educative

20 settembre 2022

Claudio Menga. Tempo scuola, le disparità tra Nord e Sud e l’autonomia differenziata sbagliata

Una riflessione del segretario generale della Flc Cgil Puglia

01 settembre 2022

Scuola. Salari e precari: un altro anno si apre all’insegna della improvvisazione e della demagogia

Da tempo al centro dei confronti e soprattutto cuore della propaganda elettorale, la scuola oggi necessita di una serie di cure che non possono e non devono più essere rinviate.

27 giugno 2022

Una scuola bloccata? Sì, ma dall’assenza di investimenti e dalla mancanza di visione

Il confronto fra il segretario della FLC CGIL e il presidente della Fondazione Agnelli a partire dal libro “La scuola bloccata”.

27 maggio 2022

Guerra più guerra non fa pace

Un incontro al Liceo Mamiani sul ruolo delle scuole nella costruzione di una cultura di pace.

24 maggio 2022

E se il docente come vocazione fosse un trucco neoliberista?

Fare l'insegnante è una vocazione? Un intrigante intervento di Alonso Albano.

16 maggio 2022

Edilizia scolastica, non solo mattoni

Le nostre considerazioni sull'incontro del Ministro Bianchi con gli Enti locali delle aree ammesse al finanziamento per l'edilizia scolastica, previsto dal PNRR.

03 maggio 2022

Riflessioni sulla pedagogia della scienza

Sviluppare un'autentica cultura scientifica aperta è uno degli obiettivi più importanti della formazione degli insegnanti, e dunque degli studenti.

29 aprile 2022

La “pedagogia del ritorno” di Raffaele Iosa e le dinamiche dell'accoglienza scolastica degli alunni ucraini

L’arrivo massiccio dei profughi ucraini richiede alle scuole italiane specifici interventi didattici e pedagogici.

29 aprile 2022

Pedagogia del ritorno: l'intervista a Raffaele Iosa

La questione dell'accoglienza scolastica dei minori ucraini è un'emergenza che va affrontata anche in termini pedagogici.

17 marzo 2022

L'istruzione per competenze, un fallimento dei tempi moderni

Le competenze falliscono nel loro intento ciclico di indirizzare la scuola, proprio perché non sono state concepite per essa. Restano immobilizzate nella corsa utilitaristica che divora l’umanità, la stessa che considera la scuola come una sorta di stadio dove gareggiano i vincitori e i vinti.